Il colore di una cucina: cercasi consiglio

Se ti chiedo solo cinque parole per descrivere la casa che ti assomiglia quali mi dai? (Questa è stata la domanda che qualche settimana fa Chiara mi ha posto).

Le parole che ho scelto sono queste:

  1. Luminosa
  2. Pacifica
  3. Libera
  4. Facile
  5. Dove poter cantare

Le ho immaginate soprattutto pensando alla cucina, che per me è il posto della casa da cui partono tutte le energie. Oggi chiedo a voi un consiglio, perché mi rendo conto che sono talmente immersa in questa stanza della casa da non avere la giusta distanza per valutare alcune cose, tra cui il colore della cucina.

Intanto: ho scelto una cucina Steel. Chi è già venuto nella mia vecchia casa l’ha vista e l’ha conosciuta. Anni fa quando si doveva scegliere una cucina abbiamo investito in questa marca che ha come capostipite Angelo Po (credo presente nelle cucine del 90% degli chef) ed è famosa per realizzare cucine in acciaio per uso domestico. Sono di Carpi, in provincia di Modena, e fanno un prodotto che per chi ama cucinare è un’esperienza divina: griglie in ghisa, forno che mantiene stabilmente le temperature, acciaio resistente e bellissimo da vedere. Ora, per la nuova casa ho voluto rimanere fedele, ma ho cambiato modello perché desideravo un tocco di colore in più: ho scelto quindi la Ascot, il modello più British style che hanno in catalogo.

Non ce n’è: l’ho vista e mi sono innamorata, e quando ho saputo che hanno realizzato 4 modelli in 4 colori diversi in collaborazione con Le Creuset ho scritto ad alcuni amici con messaggi incomprensibili che recavano cuoricini a iosa.

I 4 colori sono i seguenti: Celeste, Ametista, Sabbia e Nuvola e io ne devo scegliere uno. Mi hanno mandato la cartella colori dalla fabbrica ed eccola qui:

Colori Ascot Steel

Dello stesso colore prenderò schienale e cappa filtrante, in modo che l’effetto finale sia all’incirca questo (il modello qui in foto è da 100, in Ametista, io ho preso quello da 70 con forno combinato / vapore)

Come sarà il resto della cucina?

Per i mobili andrò da Ikea per prendere pensili e cassetti, scegliendo i pensili bianco lucido e la parte inferiore Hyttan (che ho preso un po’ perché è bello, un po’ perché il nome mi ricorda Yattaman!). Anche qui sono indecisa se prendere un solo materiale, tutto bianco / tutto legno / tutto delirante). Non ho ancora scelto il tavolo, gli elettrodomestici pure devo ancora ordinarli ma saranno in acciaio.

In pratica, ci sto mettendo eoni a decidermi e vorrei tornare a mangiare qualcosa che non sia acquistato nel bar sotto casa: mi date una mano a tornare a un’alimentazione normale?

Ci sono 16 commenti

  1. come ti capisco, io alla fine ho preso gli sportelli in vetro rosso e bordo acciaio per un piano acciaio Foster fatto su nostro disegno. Se la graniglia è il pavimento che hai a me piacerebbe molto il celeste. L’Ametista è uno di quei colori che debbono essere davvero molto tuoi, il bianco e beige mi sembrano quelle noiose scelte facili, che sicuramente sarebbero chiarissime e bellissime con il bianco e il legno naturale, chi dice di no, ma se sei anche vincolata a quel pavimento lì, e la cucina per te è davvero il centro vitale, io lo sfizio di un colore me lo toglierei.
    Insomma, non ci credo alla teoria che se ti metti la base neutra poi modifichi a piacere con gli accessori e aggiungi i tocchi di colore, perché resta una base neutra con dei colorino sopra. Se ti piace il colorato, fallo fino in fondo (e a questo punto, prendi tutti gli sportelli in rosso opaco allegro con l’ azzurro e pace, ti sfogherai con gli accessori bianchi :-) )

  2. Beh.. Non puoi prescindere dal pavimento! È quello che si vede nella foto? Hai già dei colori scelti: l’acciaio e il bianco lucido. Quindi o vai sul sabbia, che riprende anche il pavimento e col bianco lucido sta bene, o stacchi con l’azzurro ;)

  3. Io adoro Il color ametista !!!!! Ma sono tutti bellissimi perciò scegli quello che più ami, però…..
    – il fondale lo prenderei acciaio come nella foto, tutto colorato ho paura appesantisca un po’ e poi qua si che gli schizzi di sugo arriveranno e più è semplice da pulire meglio è
    – i mobili di due colori li farei solo se scegli la cucina bianca, con quelle colorate o tutto bianco o tutto legno
    – e adesso vado sul sito a cercare anche io la cucina dei mei sogni :o)

    Un bacio

  4. ciao ti seguo da poco ma come un colpo di fulmine mi hai già conquistata.
    Per me la cucina deve essere per forza materica, quindi avere del legno, del marmo e dell’acciaio. Il bianco, che è uno dei miei colori preferiti per me è come il foglio su cui si va a scrivere o disegnare un progetto, quindi lo lascio come colore di fondo. A casa mia ad esempio il pavimento è in resina bianca.
    Venendo ai tuoi colori io mi ispirerei a quelle bellissime teste d’aglio un po’ rosate: quindi si ad ametista, al bianco e al grigio dell’acciaio.
    Se trovo sul mio pinterest la foto che ho in mente te la posto. Anzi fossi in te ci perderei una bella giornata su pinterest.

  5. A parte la cucina divina, che ti sto invidiando malamente….io andrei sul sabbia o su celeste…sono i colori che mi convincono di più è che vedo di più in questo periodo per te ;)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.
Tutti i campi sono obbligatori.